"Declaratio sacra congregatio rituum" nell'omelia del Venerdì Santo

torna ai risultati
gerarchia
livellounità archivistica
data/e 1948 - 1964
fascicolo cartaceo

cc. 122

segnatura attuale Busta 4 , Fascicolo 157
ambiti e contenuto

Raccolta della corrispondenza di Massimo Adolfo Vitale con la Santa Sede per la rimozione dell'espressione "perfidis judaeis" dalle preghiere del Venerdì Santo e sulle questioni di antisemitismo cattolico. (1)

note(1) "Credendo che fosse importante comunicare e formare le nuove generazioni ad una nuova concezione di rispetto per chi professava una religione diversa, insieme al fratello Enrico, pose la questione della preghiera del venerdì santo, nella quale gli ebrei erano chiamati perfidos judaeos. Per Vitale, i tempi erano maturi perchè nella liturgia fosse tolta l'accusa di "perfidia" in quanto era il "risultato di una falsa traduzione". L'errore era stato rilevato dal cardinale, arcivescovo di Milano, Ildefonso Schuster. Ad esso Vitale e il fratello si rivolsero più volte perchè l'errore fosse corretto. Nonostante le rassicurazioni che avevano ricevute dal cardinale, non ottennero il risultato sperato. Solo il 27 marzo 1959, anche grazie alle iniziative dei fratelli Vitale e ad altri che si erano mobilitati, Papa Giovanni XXIII fece rimuovere il richiamo a perfidi giudei nella liturgia cattolica del venerdi santo". Costantino Di Sante, Auschwitz prima di "Auschwitz". Massimo Adolfo Vitale e le prime ricerche sugli ebrei deportati dall'Italia, Ombre corte, Verona, gennaio 2014, cit. pp. 28-29.
persone

Schuster, Ildefonso

Vitale, Massimo Adolfo

enti Città del Vaticano
allegati

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di