Massimo Adolfo Vitale

torna ai risultati
livellofondo
data/e 1931 - 1968
consistenzabuste 7
fascicoli 233
ambiti e contenuto

Il fondo raccoglie gli atti relativi alla complessa attività svolta da Massimo Adolfo Vitale. Ex colonnello dell'esercito e alto funzionario coloniale, giornalista, romanziere, storico, nel dopoguerra si impegnò a fondo nella ricerca di informazioni sugli ebrei deportati, e in attività pubbliche volte al ricordo della persecuzione (cfr. sottoserie Celebrazioni in ricordo dei deportati) e alla lotta al pregiudizio antisemita, ancora diffuso tra l'opinione pubblica italiana. Dal maggio 1945, in qualità di presidente del Comitato Ricerche Deportati Ebrei (CRDE), si occupò in particolare di ricostruire le vicende degli ebrei in Italia dall'avvento del fascismo alla Liberazione (cfr. serie CRDE - ricerca sulla deportazione, Fascismo e antifascismo e Processi) - senza tralasciare in questo anche il contributo degli ebrei alla Resistenza (cfr. sottoserie Lotta antifascista e Resistenza). La sua ricerca sulla persecuzione degli ebrei in Italia e la conseguente raccolta di notizie ed informazioni, gli permise di compilare un primo elenco anagrafico delle vittime. Il materiale raccolto negli anni della sua attività di presidente del CRDE e in quelli successivi, ha formato il primo nucleo archivistico del CDEC (cfr. serie Centro di documentazione ebraica contemporanea).

modalità di acquisizione

Il fondo è stato donato al Centro di documentazione ebraica contemporanea dall'Unione delle comunità ebriche italiane (UCEI).

documentazione collegataFondo CRDE
storia istituzionale/amministrativa

Laureato in giurisprudenza, iniziò la carriera militare nell'arma di cavalleria. Dopo aver ottenuto il brevetto di pilota, partecipò alla guerra di Libia come comandante di una squadriglia aerea. Combattè la prima guerra mondiale nella Terza Armata ed ottenne una medaglia d'argento al valore militare e una croce al merito di guerra. Tra il 1919 e il 1922 continuò la sua attività nell'arma aerea, prima in Eritrea poi in Somalia; quindi passò in Libia, ove creò negli anni successivi, il corpo dei meharisti, di cui fu il comandante. Diresse operazioni militari ed imprese esplorative di notevole interesse scientifico. Trasferito in Libia nel febbraio del 1938 e nominato, sotto le dipendenze del prefetto Carlo Pini, vice prefetto di Derna in Cirenaica, fu allontanato dal servizio a causa delle leggi razziali nel marzo 1939; la sua riammissione, nel 1944, fu dovuta grazie all'approvazione della legge 9 del 2 gennaio 1944 che prevedeva la riammissione in servizio dei funzionari dell'amministrazione di Stato di religione ebraica: nell'autunno del 1944 rientrato in Italia prese servizio presso il Ministero dell'Africa italiana e fu messo a capo dell'Ufficio mostre ed esposizioni e a dirigere il Museo dell'Africa italiana. Dalla fine del 1944 fino ai primi anni '50 Vitale fu alla guida del Comitato ricerche deportati ebrei (CRDE) a Roma. Chiamato dal Commissario dell'Unione delle comunità israelitiche italiane, Giuseppe Nathan, Vitale si impegnò ad indagare sulla sorte degli ebrei italiani deportati nei campi di sterminio nazisti. In veste di presidente del CRDE stabilì contatti e relazioni con istituti ed enti pubblici e privati, nazionali e internazionali, per la ricerca probatoria sugli arresti e le deportazioni.

storia archivistica

Al momento della donazione la documentazione era in uno stato di parziale ordine secondo lo schema elaborato dal Comitato ricerche deportati ebrei (CRDE), di cui è rimasta copia. Come appare da alcune note sui registri del CDEC, il fondo è stato successivamente riordinato secondo nuovi criteri; nel 1986 infine Michele Sarfatti ha redatto un inventario del fondo che è tuttora disponibile. Di recente sono state avviate le operazioni di riordino e ricondizionamento del fondo. A seguito di un importante progetto, oggi il complesso archivistico, riordinato nel rispetto delle funzioni del soggetto produttore, è così articolato:


TITOLO 1. CRDE - ricerca sulla deportazione: buste 1 - 4, fascicoli 1 - 152, estremi conologici 1943 - 1954;


TITOLO 2. Chiesa ed ebrei: busta 4, fascicoli 153 - 166, estremi cronologici 1941 - 1964;


TITOLO 3. Fascismo e antifascismo: busta 5, fascicoli 179 - 192, estremi cronologici 1938 - 1958;


TITOLO 4. Processi: busta 5, fascicoli 179 - 192, estremi cronologici 1945 - 1960;


TITOLO 5. Relazioni, conferenze e commemorazioni: busta 6, fascicoli 193 - 205, estremi cronologici 1946 - 1956;


TITOLO 6. Centro di documentazione ebraica contemporanea: busta 6, fascicoli 206 - 214, estremi cronologici 1955 - 1958;


TITOLO 7. Miscellanea: busta 7, fascicoli 215 - 233, estremi cronologici 1931 - 1968.


Il fondo, così riordinato, si compone di circa 2.665 carte raccolte in 233 fascicoli a loro volta suddivisi in 7 buste per circa un metro lineare. Tutta la documentazione inventariata ai sensi dell'articolo 13, commi a) e b) del D. Lgs. 42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio, in originale e in buono stato di conservazione, è stata completamente ricondizionata al fine di garantirne la consultabilità a fini storici.

criteri di ordinamento

Trattandosi di un fondo privo di segnature archivistiche si è deciso di adottare una classificazione per argomento ricostruendo i fascicoli in relazione alla cronologia delle carte, degli eventi storici e all'oggetto della corrispondenza trattata nel tentativo di dar luce, attraverso la documentazione qui conservata e riordinata, alla biografia personale del Vitale.

bibliografia Ricordo di Massimo Adolfo Vitale. Dal Comitato ricerche deportati ebrei al Centro di documentazione ebraica contemporanea , Roberto Bassi , edito in «La rassegna mensile di Israel, terza serie, vol. 45, n. 1/3» , 8 - 21 , gennaio - marzo 1979 , Unione delle comunità ebraiche italiane

L'attività del Comitato ricerche deportati ebrei. Storia di un lavoro pionieristico (1944 - 1953) , Liliana Picciotto Fargion , edito in «Una storia di tutti. Prigionieri, internati, deportati italiani nella seconda guerra mondiale» , Milano , 1989 , Franco Angeli

Auschwitz prima di "Auschwitz". Massimo Adolfo Vitale e le prime ricerche sugli ebrei deportati dall'Italia , Costantino Di Sante , 186 , Verona , gennaio 2014 , Ombre corte

noteNel 2013 è stato donato da Mirella Shapiro, nipote di Massimo Adolfo Vitale, un cd-rom dal titolo "Vitale family papers" contenente documenti personali della famiglia Vitale proveniente dall'Holocaust memorial museum di Washington la cui segnatura presso l'archivio dell'istituto americano è 1995.A.0373 US Holocaust memorial museum. Oggi il cd-rom, accompagnato da una breve descrizione delle carte riprodotte, è conservato nella busta n. 1 come strumento a corredo del fondo. Si segnala inoltre che nella casella di posta istituzionale dell'archivio storico si conserva una corrispondenza tra Mirella Shapiro e Liliana Picciotto datata 5 agosto 2012 - 20 agosto 2012.
persone

Nathan Giuseppe

Livello inferiore Chiesa ed ebrei
Fascismo e antifascismo
Processi
Relazioni, conferenze, commemorazioni
Centro di documentazione ebraica contemporanea
Miscellanea
CRDE - ricerca sulla deportazione

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di