Gentili Tedeschi, Eugenio

torna ai risultati
1
5
1
9
RDF
Informazioni biografiche

data di nascita: 14/03/1916

luogo di nascita: Torino

data di morte: 16/04/2005

luogo di morte: Milano

figlio/figlia di: Alberto Gentili, 1873-1954 - Isabella Tedeschi, 1885-1975

fratello/sorella di: Gentili Tedeschi, Gabriella

biografiaEugenio Gentili Tedeschi nasce a Torino il 14 marzo del 1916, figlio di Alberto ed Isabella Tedeschi. Laureatosi in Architettura presso il Politecnico di Torino nel 1939, si trasferisce a Milano due anni dopo. Dopo l'8 settembre 1943 cerca rifugio a Salle, in Valle d'Aosta, ma viene arrestato, incarcerato e poi liberato. Matura allora la decisione di diventare partigiano ed entra a far parte della formazione partigiana autonoma "Arturo Verraz" attiva in Val di Cogne. Successivamente viene inviato in missione a Roma dove collabora con il Ministero della Guerra fino al maggio 1945. Dopo un periodo di apprendistato a Milano nello studio di Gio Ponti, inizia la sua attività professionale di docente e progettista. Muore a Milano il 16 aprile 2005.
professioneArchitetto
fonti

Archivio CDEC, Fondo antifascisti e partigiani ebrei in Italia 1922-1945, b. 9, fasc. 179

Intervista rilasciata da Eugenio Gentili Tedeschi alla Shoah Foundation, http://www.70resistenza.it/doc.php?id=282 [Ultimo accesso, 24 luglio 2018]

risorse dalla linked data cloud

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di