Renata Rietti - Intervista a Renata Rietti

torna ai risultati
Genereaudiointervista
Cronologia1992 ott. 14
Persone

Rietti, Renata

Rietti, Giacomo

Vita Finzi, Marta

Rietti, Matilde

Rietti, Gino

Rietti, Giuseppe

Levi, Achille

Vita Finzi, Geremia

Abstract

Nacque a Milano il 25 marzo 1928 da Giacomo Rietti e da Marta Vita Finzi, entrambi di Ferrara; aveva una sorella (Matilde) e due fratelli (Gino e Giuseppe). Si trasferirono a Milano, dove abitarono fino al 1942, per il lavoro del padre, amministratore della fabbrica di cioccolato del cugino Achille Levi. Con leggi razziali del 1938, il padre decise di mandare il figlio Gino in Israele, gli altri figli lasciarono la scuola pubblica di via Leonardo Da Vinci per frequentare la scuola di via Eupili mentre la sorella Matilde frequentò la scuola Martignoni di via Benedetto Marcello. Con i bombardamenti del 1942 la famiglia lasciò la città e sfollò a Ferrara dove visse nella casa della madre con lo zio Geremia Vita Finzi e la zia Wanda [Mildegrun] in via Vigna 87. Quando nel dicembre 1943 le cose peggiorarono, un gruppo di partigiani, su decisione del padre, prelevò da casa i ragazzi che ripartirono per Milano. Il giorno prima il padre entrò in ospedale; ammalato da tempo, fu assistito, da un cappellano conosciuto durante la prima guerra mondiale e dalla madre, che, dopo aver saputo di essere stata denunciata, nel marzo 1944 riuscì a scappare grazie all'aiuto delle suore e del cappellano; il 15 aprile del 1944 il padre morì. I ragazzi arrivarono a Milano presso la loro casa di via Spinoza, dove la portinaia li mise in contatto con un amico del padre, commendator Muccioli, fascista perché direttore di banca, che li tenne nascosti nella sua casa per quindici giorni, in attesa che i partigiani comunicassero loro di poter passare in Svizzera. Verso la fine del mese di dicembre del 1943 arrivarono in Svizzera, preceduti da un altro zio; la madre arrivò nel 1944; si fermarono in Svizzera. Al termine della guerra Renata con la madre tornò a Milano, mentre Giuseppe a Matilde andarono in Israele dal fratello Gino.

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di