Mario Abenaim - Intervista a Mario Abenaim

torna ai risultati
Genereaudiointervista
Cronologia1989 apr. 22
Persone

Abenaim, Mario

Luoghi Bagni di Lucca Livorno Firenze Milano Auschwitz Gleiwitz
Abstract

L'intervista è stata registrata a Pisa da Andrea Devoto. Alla registrazione dell'intervista è presente anche la moglie di Mario Abenaim (1).

Mario Abenaim nacque nel 1927. Dopo l'8 settembre racconta di essere stato arrestato dai carabinieri a Marlia in provincia di Lucca insieme ai genitori, al fratello maggiore, ad alcuni zii e cugini. Si trovavano a Marlia dopo essere sfollati da Livorno. Dopo l'arresto furono portati a Bagni di Lucca e quindi trasferiti al carcere di Firenze, e poi ancora al carcere di San Vittore a Milano. Racconta che partì da Milano per Auschwitz su un carro bestiame. All'arrivo ad Auschwitz Mario Abenaim fu separato dai genitori e mandato con gli zii e i cugini al sottocampo di Janina[grube], a circa 40km da Auschwitz, per lavorare nella miniera di carbone. Nel 1945, con l'incalzare dei bombardamenti, il campo fu evacuato e i prigionieri caricati su carri bestiame. Mario era con suo fratello ed uno zio. Nei pressi della foresta di Gleiwitz furono fatti incolonnare e marciare; alla sera Mario riuscì ad uscire dalla colonna ed insieme ad altri prigionieri polacchi si rifugiò in un casolare dove fu accolto da contadini, finché arrivarono i russi. Mario Abenaim fu l'unico sopravvissuto della sua famiglia. I russi lo portarono in Ucraina, da dove fu rimpatriato in Italia. (2)

Nella seconda parte della registrazione Mario Abenaim e la moglie (cattolica) parlano del periodo dopo la liberazione, del loro matrimonio, dell'educazione religiosa dei figli (3).

Note1) L'audio della registrazione risulta disturbato, con voci di sottofondo; in fase di digitalizzazione sono stati fatti interventi per il miglioramento della qualità dell'audio. 2) Dal minuto 30' la moglie, presente all'intervista, racconta che il marito si è battezzato per poterla sposare, che oggi non avrebbe più battezzato i figli e altre cose private. In seguito l'intervista diventa una conversazione su temi vari. 3) In ottemperanza alla vigente normativa sulla protezione della privacy, la seconda parte dell'intervista non è pubblicata.

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di