Lello e Angelo Perugia - Intervista a Lello e Angelo Perugia

torna ai risultati
Genereaudiointervista
Cronologia1987 lug. 15
Persone

Perugia, Lello

Perugia, Angelo

Perugia, Israele

Perugia, Mario

Perugia, Giovanni

Perugia, Settimio

Credits

(intervistatore) Colombo, Gigliola

Luoghi Tufo di Carsoli Dachau
Abstract

L'intervista ad Angelo e Lello Perugia è stata realizzata da Gigliola Lopez, a Roma.

Lello Perugia nacque il 31 ottobre 1919 a Roma; Angelo Perugia nacque a Roma il 5 febbraio 1922; aveva tre fratelli, Mario, Giovanni e Settimio e tre sorelle, di cui una sposata a Milano. I genitori erano Israel Perugia ed Emma Dell'Ariccia. Il padre aveva un negozio di mobili al Teatro Valle; la madre aveva un emporio che gestiva insieme alla sorella. Il padre era socialista, la madre, comunista, fu una delle fondatrici dell'Unione Donne Italiane. Abitavano a San Lorenzo. La famiglia non era religiosa; osservava solo le principali festività ebraiche. Nel 1942 il padre morì. L'8 settembre 1943 Lello ed Angelo Perugia combatterono a Porta San Paolo contro i tedeschi. Poi attuarono sabotaggi nelle stazioni e sulle strade. Il 16 ottobre 1943 furono avvertiti per telefono da un amico maresciallo di PS e fuggirono. La madre e le sorelle andarono dalle suore dell'Orto sulla via Tiburtina, Lello vi dormiva. Angelo fu ospite del fratello di un fascista (Pavolini) a piazza Lodi. Gli altri fratelli erano ospitati in case private. I cinque fratelli militarono nella formazione partigiana Liberty, che comprendeva ex prigionieri di guerra dei tedeschi. Lello spostò la famiglia a Tufo di Carsoli (L'Aquila). Il 14 aprile 1944 i tedeschi arrestarono i cinque fratelli. La madre e le sorelle tornarono a piedi a Roma e riuscirono ad entrare al collegio di sant'Agnese nei pressi di via Nomentana. I cinque fratelli furono portati in carcere a Borgo Collefegato vicino a Rieti; dopo dieci giorni li trasferirono a Roma al comando di via Tasso; dopo 2 giorni li misero in carcere a Regina Coeli, dopo 20 giorni li mandarono in camion a Fossoli, poi ad Auschwitz. Mario e Giovanni furono uccisi all'arrivo.  Settimio morì ad Auschwitz. Nell'autunno 1944 Lello andò a Monowitz dove rimase fino alla liberazione; Angelo andò prima a Stuttfhof, poi a Vaihingen, infine a Dachau dove fu liberato.

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di