Elisa Springer - Intervista a Elisa Springer all'hotel Glob di Oświęcim

torna ai risultati
Generevideointervista
Cronologia1995 nov. 02
Persone

Springer, Elisa

Springer, Riccardo

Bauer, Sidonia

Credits

(intervistatore) Picciotto, Liliana

(committente) Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC

Luoghi Auschwitz Vienna Budapest Plovdiv Milano Como Verona Katowice Auschwitz Birkenau Manduria (TA)
Abstract

L'intervista è stata realizzata all'Hotel Glob della cittadina di Oswiecim (Auschwitz), il 2 novembre 1995, da Liliana Picciotto nell'ambito del progetto "Interviste alla storia" (v. scheda relativa). Elisa Springer nasce a Vienna il 12 febbraio 1918. Figlia unica di una famiglia, originaria dell'Ungheria, di commercianti austriaci, trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Vienna. Si diploma in arte. Nel giugno del 1938 il padre, Riccardo Springer, è uno dei primi ebrei austriaci ad essere arrestato e deportato. Morirà a Buchenwald dopo qualche mese. Nel 1939 per ottenere una nuova cittadinanza contrae matrimonio con un italiano. Nel 1940 in seguito alle violente persecuzioni, che coinvolgeranno la madre e gran parte della sua famiglia, Elisa Springer si rifugia a Milano. La madre, Sidonia Bauer, intanto riesce, dopo svariate traversie, a raggiungere Budapest ricongiungendosi ai suoi parenti: le ultime notizie che riceverà da lei risalgono al 1941. A Milano Elisa Springer intraprende l'attività di traduttrice privata. Riesce ad ottenere una falsa identità, ma tradita, viene arrestata e poi deportata al campo di Auschwitz il 2 agosto 1944. Rimane prigioniera fino al maggio 1945 sopravvivendo alle terribili condizioni di vita del campo. Dopo la guerra torna a Milano. Nel 1948 si sposa e si trasferisce in Puglia a Manduria dove nessuno saprà della sua storia. Racconterà le sue origini e la sue vicissitudini al figlio in età adulta.

Indice dei contenuti

1 La famiglia

2 Infanzia e adolescenza a Vienna

3 L'Anschluss: annessione dell'Austria alla Germania

4 1938: leggi antiebraiche in Austria e violenze contro gli ebrei

5 Arresto e deportazione del padre

6 Matrimonio

7 Budapest, Plovdiv, Milano

8 Vita a Milano

9 Arresto e deportazione ad Auschwitz

10 Dopo la Liberazione: Milano, matrimonio e trasferimento a Manduria

11 La decisione di diventare testimone

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di