Andra e Tatiana Bucci - Intervista a Andra e Tatiana Bucci

torna ai risultati
Generevideointervista
Cronologia1996 apr. 25
Persone

Bucci, Tatiana Liliana

Bucci, Alessandra

Perlow, Mira

Bucci, Giovanni

De Simone, Sergio

Perlow, Gisella

Farberow, Rosa

Weindling, Martha (Manna)

Credits

(intervistatore) Pezzetti Marcello (autore della ripresa) Gabbai, Ruggero

(committente) Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC

Luoghi Fiume Trieste Auschwitz Birkenau Praga
Abstract

Marcello Pezzetti intervista Andra e Tatiana Bucci a Trieste il 25 aprile 1996, nell'ambito del progetto "Interviste alla storia" (v. scheda relativa). Le sorelle Bucci nascono a Trieste: Tatiana il 19 settembre 1937 e Andra (Alessandra) il primo luglio 1939. La madre Mira Perlow appartiene a una famiglia di ebrei russi emigrati per motivi razziali e giunti a Fiume nel 1910. Il papà Giovanni Bucci, cattolico non praticante, lavora per la Marina Mercantile come cuoco di bordo. Nel 1944 al tempo del loro arresto le sorelle hanno rispettivamente quattro e sei anni. I loro sono ricordi d'infanzia, molto frammentari, alcuni di questi derivano dai racconti della madre, anche lei sopravvisutta ad Auschwitz. L'arresto ha luogo nell'appartamento dei Perlow la notte del 28 marzo 1944, sono presenti la nonna, la madre, la zia di Napoli con il figlio Sergio. Un viaggio in automobile le porterà alla Risiera di San Sabba a Trieste. Della Risiera ricordano la cella, la presenza della madre e della nonna. Il 29 marzo 1944 sono deportate ad Auschwitz. Quando scendono dal treno sono con la madre, forse anche durante il tatuaggio. Le portano alla baracca dei bambini (Kinder Block). La madre per qualche tempo le andrà a trovare chiedendo loro insistentemente di ripetere il loro nome e cognome. Dopo qualche settimana le visite si interrompono, da quel momento si convinceranno che la madre sia morta.Le sorelle hanno un ricordo vago della liberazione del campo. Dopo qualche mese di permanenza in un orfanotrofio nelle vicinanze di Praga, Andra e Tatiana giungono a Lingfield, ospitate nella villa che accoglie i bambini scampati allo sterminio. Le cure amorevoli delle assistenti e in particolare della signora Martha (Manna) Weindling Friedmann restituiranno loro serenità. Grazie anche all'aiuto della Croce Rossa internazionale riescono dopo due anni a ricongiungersi ai genitori.

Indice dei contenuti

1 La famiglia

2 L'arresto

3 Il cugino Sergio De Simone

4 Ricordo della Risiera di San Sabba

5 La deportazione

6 Arrivo ad Auschwitz

7 Ricovero di Andra

8 Il tatuaggio

9 Le visite della madre al Kinderblock

10 Il Kinderblock: la baracca dei bambini

11 La Blokova

12 la vita nel campo

13 La liberazione

14 Le fotografie scattate dall'esercito sovietico

15 Praga

16 Soggiorno a Lingfield

17 Martha Friedmann

18 Il ritorno e l'incontro con i genitori

Questo portale è stato realizzato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività  Culturali e del Turismo




Powered by

Il dataset "Shoah Victims names" è stato pubblicato in modalità  Linked Open Data sul portale dati.cdec.it ed è accessibile tramite Endpoint SPARQL






Naviga i dati con

Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti di questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons - Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) .
You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use  



Con il contributo di